Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun08192019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

La B.M. Elettronica truffata di 25mila euro da un pregiudicato padovano

I Carabinieri di Condino lo hanno individuato in seguito ad una denuncia fatta da un imprenditore dal quale si era fatto consegnare 25.000 euro. 
A seguito della denuncia presentata da un imprenditore di Cimego, i Carabinieri della Stazione di Condino hanno deferito alla competente autorità giudiziaria un 42enne pluripregiudicato padovano, con il quale la società «B.M. Elettronica» della Val del Chiese aveva intrattenuto, nel corso degli ultimi mesi dello scorso anno, una trattativa finalizzata all'acquisto di pannelli solari presso una sedicente società padovana, leader nel settore.

Durante il mese di novembre 2012 veniva definito l'acquisto e versata la somma richiesta pari ad euro 25.000 circa.
Tale importo rappresentava il 20% della cifra pattuita; la restante somma sarebbe stata accreditata all'atto della consegna del materiale.

Ogni tentativo messo in atto nelle settimane successive dalla società «B.M. Elettronica» per reclamare il mancato recapito di quanto acquistato, rivolto all'indirizzo e-mail e presso i recapiti telefonici forniti dall'interlocutore, facevano maturare l'idea di aver subito una truffa.
In effetti, le immediate verifiche compiute dai militari permettevano di appurare che l'uomo, attualmente irreperibile sul territorio nazionale, non è nuovo a questo tipo di espedienti gravando sullo stesso numerosi precedenti penali.
Inoltre, è intestato al pregiudicato padovano il conto corrente presso il quale la vittima aveva disposto il bonifico dell'ingente somma.