Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Lun10212019

Last update08:01:19 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Caro Rastelli, il suo scritto stride più di una bestemmia urlata in chiesa. Per il Corriere della Sera uno scivolone senza precedenti

jesuischarliecorriere 1Sarei pronto a chiedere in prestito i soldi del maialino dei miei figli per scommettere che se a Gérard Biard mostrassero l'articolo di Rastelli in merito all'iniziativa "Tutte le matite del mondo, Un libro di vignette libere per dire no al fanatismo", il direttore di Charlie Hebdo penserebbe di essere vittima, come Paolo Brosio, di Scherzi a parte...
Mi permetto di estrarre un passaggio del testo "rastelliano"...
"In redazione abbiamo discusso a lungo se pubblicare o meno alcune delle vignette che avevano destato la collera degli integralisti. Abbiamo deciso per il no perché, pur essendo convinti che tra le libertà fondamentali ci sia quello di esprimere liberamente qualunque pensiero, anche quelli blasfemi, siamo altrettanto convinti che ci siano sensibilità che vanno rispettate.
Non pubblichiamo vignette che siano blasfeme per i musulmani come non ne pubblichiamo che siano blasfeme per i cristiani e per il mondo ebraico. Quindi il libro contiene alcune vignette di Charlie Hebdo, ma non quelle considerate più offensive. Le altre, pubblicate su oltre 300 pagine, sono quasi tutte quelle circolate in Rete nelle ore immediatamente successive alla strage. Un modo per non dimenticare e per riaffermare la libertà di espressione, nel rispetto di tutti".
Rileggo.
"In redazione abbiamo discusso a lungo se pubblicare o meno alcune delle vignette che avevano destato la collera degli integralisti. Abbiamo deciso per il no perché, pur essendo convinti che tra le libertà fondamentali ci sia quello di esprimere liberamente qualunque pensiero, anche quelli blasfemi, siamo altrettanto convinti che ci siano sensibilità che vanno rispettate.
Non pubblichiamo vignette che siano blasfeme per i musulmani come non ne pubblichiamo che siano blasfeme per i cristiani e per il mondo ebraico. Quindi il libro contiene alcune vignette di Charlie Hebdo, ma non quelle considerate più offensive. Le altre, pubblicate su oltre 300 pagine, sono quasi tutte quelle circolate in Rete nelle ore immediatamente successive alla strage. Un modo per non dimenticare e per riaffermare la libertà di espressione, nel rispetto di tutti". (qui la versione integrale)

E questo sarebbe un omaggio a Charlie Hebdo.
Non è bastato al Corriere della Sera appropriarsi delle vignette senza avvisare né chiedere il consenso agli autori, ma "per difendere la libertà" hanno voluto firmare al meglio la loro iniziativa mettendo una succulenta ciliegina. Peccato che questo scritto strida più di una bestemmia in chiesa.

Sotto, per chi non l'avesse letto, l'editoriale di Charlie... o per chi l'avesse dimenticato

Ci saranno ancora dei "sì, ma"?

"Da una settimana, Charlie, giornale ateo, compie più miracoli che tutti i santi e i profeti riuniti. Quello di cui noi siamo più fieri, è che avete tra le mani un giornale che noi abbiamo sempre fatto, in compagnia di quelli che l'hanno sempre fatto. Quello che ci ha più fatto ridere, è che le campane di Notre-Dame hanno suonato in nostro onore...

Da una settimana Charlie solleva nel mondo molto più che le montagne. Da una settimana, come ha magnificamente disegnato Willem, Charlie ha un sacco di nuovi amici. Anonimi e celebrità planetarie, umili e ricchi, miscredenti e dignitari religiosi, sinceri e gesuiti, di quelli che noi avremo con noi per la vita e di quelli che sono solo di passaggio. Oggi li prendiamo tutti, non abbiamo il tempo né il cuore di distinguerli.

Ma non siamo neanche dei babbei. Ringraziamo con tutto il cuore quelli che, in milioni, che siano semplici cittadini o che incarnino le istituzioni, sono veramente al nostro fianco, che, profondamente e sinceramente "sono Charlie" e che si riconosceranno. E schifiamo gli altri, che ad ogni modo se ne sbattono...

Ci preme comunque una domanda: andrà a sparire dal vocabolario politico e intellettuale la brutta parola di "laico integralista"? Si smetterà di inventare delle erudite circonvoluzioni semantiche per qualificare ugualmente gli assassini e le vittime? In questi ultimi anni, noi ci siamo sentiti un po' soli, a tentare di respingere a colpi di matita le puttanate gratis e le sottigliezze pseudo intellettuali che ci sbattevano in faccia e in faccia ai nostri amici che difendevano fermamente la laicità: islamofobi, cristianofobi, provocatori, irresponsabili, spanditori di benzina sul fuoco, razzisti, ve-la-siete-ben-cercata...

Sì, noi condanniamo il terrorismo, ma. Si, minacciare di morte dei disegnatori, non è bene, ma. Sì, incendiare un giornale, è male, ma. Noi abbiamo sentito di tutto, e i nostri amici anche. Noi abbiamo spesso abbozzato una risata, perché è quello che facciamo meglio. Ma noi vorremmo, adesso, ridere di altro. Perché tutto questo già ricomincia.

Il sangue di Cabu, Charb, Honoré, Tignous, Wolinski, Elsa Cayat, Bernard, Maris, Musapha Ourrad, Michel Renaud, Franck Brinsolaro, Frédéric Boisseau, Ahmed Merabet, Clarissa Jean-Philippe, Philippe Braham, Yohan Cohen, Yoav Hattab, Francois-Michel Saada, non era ancora secco che Thierry Meyssan spiegava ai suoi fans su Facebook che si trattava, evidentemente, di un complotto giudeo-americano-occidentale. Si sentiva già, qua e là, le fini bocche fare il broncio davanti alle manifestazioni di domenica scorsa, sbavando dai lati delle labbra gli eterni cavilli volti a giustificare, apertamente o sottovoce, il terrorismo e il fascismo religioso, e indignandosi, tra l'altro, che si celebrassero i poliziotti = SS.

No, in questo massacro, non ci sono dei morti meno ingiusti di altri. Franck, che è morto nei locali di Charlie, e tutti i suoi colleghi uccisi durante questa settimana di barbarie sono morti per difendere le idee che, forse, non erano neppure le loro.

Noi cerchiamo comunque di essere ottimisti, anche se non è stagione. Speriamo che a partire da questo 7 gennaio 2015 la ferma difesa della laicità sia evidente a tutti, che si smetta, per partito preso, per calcoli elettorali o per lassismo, di legittimare o anche di tollerare il comunitarismo e il relativismo culturale, che apre la strada a una sola cosa: il totalitarismo religioso.

Sì, il conflitto israelo-palestinese è una realtà, sì, la geopolitica internazionale è un susseguirsi di manovre e di sporchi trucchi, sì, la situazione sociale delle, come si dice, "popolazioni di origine musulmana" in Francia è profondamente ingiusta, sì, il razzismo e le discriminazioni devono essere combattute senza tregua.

Ci sono fortunatamente diversi strumenti per tentare di risolvere questi gravi problemi, ma sono sempre inefficaci se ne manca uno: la laicità. Non la laicità positiva, non la laicità inclusiva, non la laicità-non-so-cosa, la laicità punto e stop.

Essa sola permette, perché esalta l'universalità dei diritti, l'esercizio dell'uguaglianza, della libertà, della fraternità. Essa sola permette la piena libertà della coscienza, libertà che nega, più o meno apertamente secondo i loro posizionamenti di marketing, tutte le religioni da quando lasciano il terreno della stretta intimità per scendere sul terreno politico.

Essa sola permette, ironicamente, ai credenti, e agli altri, di vivere in pace. Tutti quelli che pretendono di difendere i musulmani accettando il discorso totalitario religioso difendono in effetti i loro carnefici. Le prime vittime del fascismo islamico, sono i musulmani.

Le milioni di persone anonime, tutte le istituzioni, tutti i capi di Stato e di governo, tutte le personalità politiche, intellettuali e mediatiche, tutti i dignitari religiosi che, questa settimana, hanno proclamato "Je suis Charlie" devono sapere che questo vuol dire anche "Io sono la laicità". Noi siamo convinti che, per la maggioranza dei nostri sostenitori, questo va da sé. Noi lasciamo gli altri sbrigarsela con questo.

Un'ultima cosa, importante. Noi vorremmo mandare un messaggio a papa Francesco, che, anche lui, "è Charlie" questa settimana: noi non accettiamo che le campane di Notre-Dame suonino in nostro onore finché non saranno le Femen a farle suonare.

Gérard Biard
(traduzione di Filippo Tramelli da TGCom 24)"