Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Dom11182018

Last update11:39:14 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Pecore sperdute in val di Nardìs, ancora vive nonostante il maltempo e i predatori

Pecore sperdute in val di Nardìs, ancora vive nonostante il maltempo e i predatori

Si era recato per fare una passeggiata in una delle bellissime valli laterali della val Genova,...

San Martino, la comunità di Pinzolo in pellegrinaggio a Mantova per ricordare i propri emigranti

San Martino, la comunità di Pinzolo in pellegrinaggio a Mantova per ricordare i propri emigranti

C'era monsignor Luigi Bressan quest'anno, il vescovo emerito di Trento, ad accompagnare i...

Madonna di Campiglio, impianti aperti al Grostè dal 24 novembre

Madonna di Campiglio, impianti aperti al Grostè dal 24 novembre

«Nonostante i numerosi alberi caduti sulle piste, dopo una settimana di intenso lavoro siamo...

Da domani riapre la strada tra Madonna di Campiglio e Dimaro

Da domani riapre la strada tra Madonna di Campiglio e Dimaro

Da domani mercoledì 7 novembre è prevista la riapertura del tratto di strada statale 239 tra...

Notizie val Rendena

Madonna di Campiglio: trovati 10 lavoratori in nero e tre irregolari in un hotel. Sanzione di 180 mila euro per il gestore

guardia-di-finanzaDieci lavoratori in nero e tre irregolari in un noto albergo a 4 stelle di Madonna di Campiglio gestito da una società di Roma. I controlli della Guardia di Finanza di Tione hanno portato alla luce una grave situazione di illegalità.
Per la somministrazione del personale di sala, bar, cucine e pulizie impiegato nell'albergo il gestore ha sostenuto di aver stipulato un contratto con una cooperativa, della quale però i lavoratori interessati non avevano mai sentito parlare.
Il contratto, rivelatosi irregolare, era stato stipulato unicamente per poter godere dei vantaggi economici previsti per le prestazioni rese da cooperative, i cosiddetti "appalti di manodopera", che si applicano però quando le prestazioni di lavoro vengono svolte secondo certi requisiti, che in questo caso mancavano.
I lavoratori sono risultati tutti ignari dell'esistenza della cooperativa, pertanto il rapporto instauratosi tra cooperativa e società gestrice dell'attività alberghiera è stato ricondotto a una mera interposizione in favore di quest'ultima, creata al solo scopo di produrre buste paga nettamente svantaggiose per i lavoratori e vantaggiose invece per l'imprenditore committente.
Al termine dell'attività sono stati segnalati all'INPS e al Servizio Lavoro della Provincia dieci lavoratori completamente in nero e tre lavoratori irregolari, per la riqualifica della propria posizione retributiva e contributiva, a favore dei quali sono state ricostruite le giornate effettivamente prestate e quasi seicento ore di lavoro mancanti dalle scritture obbligatorie. La sanzione, per la società che gestisce l'albergo, ammonta a 180.000 euro.