Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Wed08212019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Esteriori. A Cares, in salotto, non Sabrina Ferilli ma Fortunato Depero. Inaugurata la mostra con 60 opere del gran maestro del futurismo

depero in salotto Cares Falc Salotti

C'è chi "usa" la Ferilli. E chi Fortunato Depero. Ormai le frontiere del marketing pubblicitario non hanno confini. E, anche una fabbrica di salotti come la Falc di Cares di Bleggio, se vuole stare sul mercato, deve inventare forme nuove per andare dritto al cuore (e al portafoglio) dei clienti. L'immagine di Sabrina Ferilli per promuovere divani e poltrone è ormai usurata e forse non è adatta ad un marchio di nicchia, che fa della qualità e dell'esclusività il suo punto di forza.
Meglio puntare su qualcosa di unico e del tutto eccezionale. Così i cugini Lorenzo e Omar Berlanda, titolari della premiata ditta artigiana Falc Salotti, hanno deciso di puntare su una mostra con ben sessanta opere del gran maestro del futurismo trentino Depero. Molte inedite sconosciute al grande pubblico, in quanto provengono da collezioni private.

Depero in salotto a cares la Falc  fa cultura 2  

«Non è una mostra irriverente verso uno dei più grandi artisti trentini e a uno dei padri del Futurismo» sottolinea Maurizio Scudiero. Nel Manifesto Futurista sottoscritto da Fortunato Depero e da Giacomo Balla vi era l'intento di "portare l'arte nella vita quotidiana". Ed è stato questo il leitmotiv ricorrente nella produzione artistica di Depero che ha "prestato" spesso la sua arte al servizio delle aziende e al quotidiano. In quest'ottica fonda la Casa d'Arte Futurista Depero, destinata a laboratorio d'arte decorativa e alla produzione di vestiti futuristi, arazzi, giocattoli per bambini, mobili, pubblicità, ...Ed è proprio sulla pubblicità che si sofferma maggiormente in quanto arte radicata nel quotidiano dell'uomo moderno. La si vedeva su muri, pareti, finestre, treni, strade: dappertutto. E la Pubblicità, a sua volta, secondo Depero era perfetta per il concetto futurista di unità tra vita e arte. Nel manifesto Il futurismo e l'arte pubblicitaria, pubblicato nel 1931, Depero scrisse che la pubblicità era presente in tutta l'arte, da secoli. "L'arte del futuro sarà potentemente pubblicitaria"– affermava, individuando nel prodotto da pubblicizzare una fonte di attività inesauribile per artisti concordi con l'estetica futurista.

Falc depero in salotto a cares  


«L'arte - continua Scudiero- è sempre nata perchè pagata da qualcuno. Non c'è nulla di nuovo. Lo è quella di Depero pubblicitaria per le aziende, lo sono le opere d'arte commissionate dalla Chiesa. Qui si riesce a fare convergere l'eccellenza dell'opera di Depero, con quella di una ditta artigianale di qualità». Un'opportunità non solo per le Giudicarie, ma per tutto il Trentino, per riscoprire le potenzialità offerte dal territorio e verificare sul campo la forza del binomio cultura-economia.

Sarà un veicolo pubblicitario esclusivo, anche sui mercati europei, dove la Falc vende, e spedisce le brochure. Rimarrà aperta fino al 25 maggio nello showroom dell'azienda. Ieri all'inaugurazione una folla di persone.

Depero in salotto a cares la Falc  fa cultura 

Prima hanno ammirato le opere in mostra tra le collezioni di divani. Poi hanno ascoltato con grande interesse le presentazioni del critico d’arte Maurizio Scudiero e di Elisabetta Balduzzi. Rispettivamente, curatore e responsabile dell’allestimento. L’iniziativa ha detto Iva Berasi presidente dell’Apt di Comano Terme, è un importante passo verso una promozione unitaria del prodotto termale e delle Giudicarie Esteriori. Alla “Depero in salotto”, questo il titolo della mostra, oltre ai privati che hanno messo a disposizione le loro opere, hanno concorso numerose aziende della zona.(e.z.)

Depero in salotto a cares la Falc  fa cultura 3