Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mar06182019

Last update10:52:22 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione provinciale per mettere in sicurezza la strada che...

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

«E' in arrivo una forte nevicata ma non preoccupiamoci per gli animali selvatici! Quando...

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha iniziato il nuovo anno con un appello per incoraggiare una...

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

Il Comitato di gestione del Parco Naturale Adamello Brenta si è riunito lunedì 17 dicembre 2018,...

  • Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Strada per Tovel: l'impegno della Pat per la messa in sicurezza dell'accesso alla valle

    Mercoledì, 06 Febbraio 2019 09:26
  • Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e potrebbe morire sfinito. Il messaggio del Pnab

    Quando vediamo un animale non avviciniamoci perché scapperebbe impaurito nella neve alta e...

    Venerdì, 01 Febbraio 2019 08:09
  • Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari  finalizzati a conformarsi alle normative e a garantire condizioni di lavoro adeguate

    Il Presidente del Parco Masè in merito all'ampliamento del Rifugio Brentei: interventi necessari ...

    Sabato, 26 Gennaio 2019 10:27
  • Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono ad amministratori e operatori

    Quale montagna vogliamo? Il Presidente e il Direttore del Parco Naturale Adamello Brenta scrivono...

    Mercoledì, 16 Gennaio 2019 21:18
  • Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di gestione

    Parco Naturale Adamello Brenta, approvati il Bilancio e il Piano delle attività dal Comitato di...

    Martedì, 18 Dicembre 2018 21:01

Orsi in Trentino: Stanno bene entrambi i figli di Daniza. La conferma arriva dalle analisi genetiche di Ispra e dai filmati

filmato figli di daniza

Sono vivi entrambi i giovani orsi di Daniza. La conferma genetica della presenza di entrambi gli orsi, che hanno ormai circa 16 mesi di età ed un peso stimato tra i 40-60 kg, è arrivata in questi giorni da ISPRA - L'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. L'accertamento è stato reso possibile dall'assiduo monitoraggio messo in campo dal Corpo Forestale Trentino che ha consentito di raccogliere abbastanza campioni per consentire il successo delle analisi genetiche.

I due giovani hanno svernato regolarmente: si sono infatti ritirati per circa quattro mesi, da metà novembre 2014 a metà marzo 2015 e hanno ripreso la loro attività nel corso della primavera. Le previsioni espresse lo scorso anno dagli esperti della Provincia autonoma di Trento, come pure da esperti internazionali, sono state dunque confermate: le immagini raccolte con fototrappola confermano l'ottimo stato di forma dei due giovani orsi.
In questo periodo dell'anno anche gli altri giovani orsi nati nel 2014 vengono abbandonati dalle madri e intraprendono dunque la nuova fase di vita da soli; questo è il periodo forse più delicato della loro vita. Si ribadisce a questo proposito l'importanza di non favorire in alcun modo l'avvicinamento ai giovani orsi né, tanto meno, di offrire loro del cibo. E' un'attività assolutamente inopportuna e vietata dalla legge. Soprattutto in questa fase della loro vita è estremamente importante che essi mantengano la naturale diffidenza nei confronti dell'uomo per massimizzare le loro possibilità di sopravvivenza.
Va infine segnalato che la stagione 2015 sembra essere assai positiva per quel che riguarda il numero di nuove cucciolate osservate. Sarebbero infatti 6-7 quelle attualmente monitorate, e circa 12 i nuovi cuccioli, fermo restando che anche in questo caso ogni bilancio definitivo è rinviato alla conferma genetica che potrà essere acquisita nel corso della stagione.