Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Sun09152019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Aperta da oggi la bellissima pista che parte dallo Spinale. Per chi non è molto pratico con sci...

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Il legame tra il Napoli di Aurelio De Laurentiis e Dimaro non si spezza. La notizia che era già...

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

Essere i primi a solcare le piste ancora intonse, disegnare serpentine nella neve immacolata...

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

Si terrà sabato 9 febbraio nella sala comunale di Massimeno alle ore 17.30 Storie d'Acqua...

Notizie val Rendena

Tutto pronto per la decima edizione della 24 ore val Rendena MTB. Attesi bikers da tutta Italia per il Campionato tricolore

Elena marchi con il presidente della 24 ore sandro ducoli e Barbara Pedrotti

Tutto pronto in Val Rendena per la 24 ore val Rendena mountain bike. Mentre gli ultimi ritardatari stanno perfezionando la propria iscrizione la macchina organizzativa guidata da Sandro Ducoli sta lavorando a mille per garantire una decima edizione col botto. Stasera inizia la grande festa alla tensostruttura di Strembo con il comico Sgrilli e una buona cena...

24 ore val Rendena, 10 anni di divertimento, dieci anni di sport

Sembra lontanissimo il tempo in cui Sandro Ducoli, insieme a Sergio Mattiello e ai fratelli Fabrizio e Marco Polla avevano avuto l'idea di organizzare un grande evento per gli amanti dello sport ed in particolare della mountain bike. Memori della felice esperienza vissuta con la 24 ore val Rendena di fondo, che negli anni Ottanta aveva richiamato in valle i più grandi campioni dello sci nordico d'Europa, si "armarono" di grande entusiasmo e si lanciarono in una straordinaria avventura. Dopo una prima edizione nel 2003 "tutto cuore", la macchina organizzativa si è iniziata a perfezionare calibrando sulle esigenze dei bikers i propri standard. Con la politica di "coccolare" coloro che partecipavano alla manifestazione, garantendo un'ospitalità calorosa, prestando molta attenzione ai servizi, fornendo sempre un'ottima cucina, e farcendo il tutto con preziosi e ambiti pacchi gara, la 24 ore val Rendena è cresciuta nel corso degli anni fino a diventare un punto di riferimento per il mondo dell'endurance nazionale.
Dal 2004 fa parte del Circuito nazionale 24 CUP MTB, dove è inserita anche quest'anno come V tappa.
Sport e divertimento, sono da sempre le peculiarità di questo appuntamento che è riuscito a coinvolgere non solo bikers di tutta Italia ma anche la gente valliggiana che a vario titolo vive la manifestazione: chi come volontario, chi come atleta, chi come accompagnatore, chi da pubblico. Comunque la si viva la 24 ore val Rendena sa regalare emozioni indimenticabili.
Anche quest'anno al via ci saranno i migliori bikers di specialità: non mancherà Gianfranco Mariuzzo che tenterà di vincere per l'ennesima volta il Trofeo Memorial Giorgio Ducoli, e di soffiare il trofeo ai ragazzi di Tiziano Massardi, eterni secondi in val Rendena. Tra i solitari favoriti i "protagonisti di stagione" Giuliana Massarotto e Morgan Pilley, ma un Alberto Zambelli determinato potrebbe rovinare la festa all'australiano della Scott.
A fianco dei grandi campioni ci saranno quelli che la 24 ore la vivono goliardicamente, che alternano la pedalata ad una buona mangiata, che vengono in Rendena per ritrovare amici e conoscenti, per ritornare in "famiglia" e trascorrere in compagnia un bel weekend.
Proprio ai non agonisti è rivolta una delle maggiori novità 2012 che vede l'apertura della 24 ore Val Rendena anche a coloro che sono sprovvisti di certificato medico agonistico: per poter partecipare in squadra da 8 componenti alla 24 ore basterà quindi il certificato del proprio medico di "sana e robusta costituzione". Un'agevolazione per tutti per non far perdere a nessuno un'occasione unica e forse irripetibile, perchè si fa sempre più insistente la voce che questa edizione, la decima, possa essere davvero l'ultima.
Non solo festa e competizione, ma anche un occhio di riguardo, come da tradizione, a chi ha più bisogno. Anche quest'anno ci sarà una donazione all'ADMO Trentino pari al numero di giri percorsi dai vincitori moltiplicato per 5 €. Un gesto importante, non solo per il denaro che verrà donato, ma soprattutto per la straordinaria possibilità di sensibilizzare ed informare molte persone verso situazioni forse poco conosciute.

Gianfranco mariuzzo grande protagonista alle 24 ore val rendena

ALBO D'ORO

I magnifici e temerari vincitori solitari delle 9 edizioni

2011 Giuliana Massarotto Alberto Zambelli
2010 Lorenza Menapace Claudio Pellegrini
2009 Sandra Araujo Claudio Pellegrini
2008 Lorenza Menapace M.Calzoni, F. Capretti, C. Pellegrini
2007 Margherita Beltramolli Claudio Pellegrini
2006 Lorenza Menapace Claudio Pellegrini
2005 Elena Marchi Marco Poyer
2004 Elena Marchi Carlo Argentieri
2003 Elena Marchi Massimiliano Murara

Team 8 componenti
2011 Team Mtb Santa Marinella Tonica Sport
2010 Team Studiobianconi.it
2009 Team Studiobianconi.it
2008 Team Nardis Sport Pinzolo
2007 Team La Perla Verde
2006 La Perla Verde-NW-L.Cougan - Nardis Sport Pinzolo
2005 VM Team Carpenedolo
2004 VM Team Carpenedolo
2003 MTB La Perla Verde


La val Rendena si tinge di Tricolore

Chissà se ci saranno anche Paolo Maganzini e Diego Fenaroli alla 10a edizione della 24 ore Val Rendena, a difendere il titolo tricolore Memorial Tiziano Polla riservato ai Team da 4 componenti (di cui 3 tesserati per la stessa società) conquistato l'anno scorso nella capitale, nel Parco degli Acquedotti Romani Appia Antica. Dopo le fatiche della Transalp, che li ha visti impegnati nella traversata di 600 chilometri da Oberammergau in Baviera a Riva del Garda, passando per Madonna di Campiglio, potrebbero essere impegnati sul bell'anello di Rendena a caccia dell'impresa di tenersi attaccata la maglia tricolore disegnata da Keit (www.keit.it) prestigioso marchio dell'abbigliamento tecnico sportivo. "Sarebbbe la prima volta che un team riesce a mantenere la maglia per due anni consecutivi - fanno sapere dal direttivo 24 CUP- ma non sarà una cosa semplice". A concorrere per il titolo prevista la partecipazione di Team da tutta Italia, e la bagarre è garantita.

24 Cup: uno spettacolare Tour d'Italia in MTB
Sta giungendo al termine lo spettacolare Tour 2012 attraverso la Penisola del coloratissimo serpentone di bikers amanti delle ruote grasse. Partito dalla piazza Duomo di Cremona, passato dal centro di Finale Ligure, è giunto a giugno sulle colline dei Colli Berici a Barbarano Vicentino (VI). Una sosta nella frazione di Stevenà di Caneva in provincia di Pordenone e poi a tutta birra verso la Val Rendena dove il circuito farà tappa l'1 e 2 settembre, per poi volare in quel di Roma, nel Parco degli Acquedotti il 15 e 16 settembre. La nona edizione della 24 CUP sta giungendo al termine ma ancora incerti sono i giochi che vedono moltissimi endurancers a contendersi il primato 2012.
(Info: www.24cup.org)


Mini 24 ore, largo ai giovani


Nel 2011 sono stati circa 150 i ragazzi che hanno preso parte a questa simpatica kermesse, che vede impegnati i più piccoli bikers cimentarsi in una delle prime "gare".
Ma più di una competizione quella che si compie sulla bella ginkana in erba ricavata nel Parco Comunale a Strembo, è una opportunità per tutti per capire come funziona una staffetta, e offre la possibilità di provare a fare squadra con altri che condividono la stessa passione per le due ruote. Inoltre permette di far partecipare attivamente i figli di chi corre la 24 ore Val Rendena, che altrimenti rimarrebbero passivi a guardare padri e madri. Non ci sono né vincitori nè vinti alla Mini 24 ore Val Rendena, tutti vengono premiati, ma quel pizzico di agonismo si sviluppa ugualmente tra i piccoli "atleti" che mettono il loro massimo impegno nell'affrontare la prova.
La gara si terrà alle ore 14.00 di sabato 1 settembre e l'iscrizione verrà fatta direttamente sul posto e sarà come sempre gratuita. Organizzazione curata dalla Scuola MTB Damello Brenta
Percorso: sette chilometri di emozioni nella verde valle
Saranno ancora i borghi di Strembo, Bocenago e Caderzone ad ospitare la 10a edizione della 24 ore val Rendena e a regalare alla verde valle un week end di sport e di festa. Nella bellissima piana che costeggia il Campo da Golf val Rendena sono attesi anche quest'anno bikers da tutta Italia per la grande sfida sull'anello di 7 km che guarda le Dolomiti di Brenta: su un percorso misto con tratti sterrati, erbosi e pavè, i concorrenti raggruppati in squadre da otto, da quattro o solitari si daranno battaglia per 24 ore, cercando di compiere il maggior numero di km.
Si parte dalla Piazza di Strembo alle 12.00 in punto per entrare dopo poche centinaia di metri nel circuito all'altezza dell'abitato di Caderzone. Da qui, dopo il classico passaggio nel Borgo con giro alla fontana, il sottopassaggio della strada principale porta alla bellissima piana di Caderzone, dove gli organizzatori hanno individuato un nuovo tratto misto, tra prati e boschi molto piacevole, con una prima parte panoramica, tra le tipiche stalle e gli agritur della Piana, che guarda verso il Dos del Sabion, meta ambita di migliaia di sciatori durante la stagione invernale e di escursionisti a caccia di paesaggi emozionionanti, con una salita pedalabile e una bella discesa tra gli ontani. Il percorso prosegue rimettendosi sul tradizionale tracciato che porta prima al Golf Val Rendena e poi all'abitato di Bocenago. Discesa verso Strembo e attraversamento del Fiume Sarca per ritornare verso la zona cambio e ripartire a mille. Oltre sette chilometri a giro con un dislivello di circa 120 metri per una 24 ore che si preannuncia dura e massacrante.
www.24hvalrendena.it


Dalle Dolomiti al Colosseo, 600 chilomteri di solidarietà


24 ore mountain bike Val Rendena e Roma, dopo il successo della scorsa edizione ripropongono "Dalle Dolomiti al Colosseo", premiando chi percorrerà nelle due gare, la distanza che separa le Dolomiti dalla Capitale. Un riconoscimento dedicato esclusivamente ai solisti sia in campo maschile che femminile, un misto tra fatica e fortuna, dato che solo nella serata di venerdì 14 settembre, a Roma, Claudio Vettorel (presidente del Comitato Organizzatore 24ore di Roma) e Sandro Ducoli stabiliranno la distanza campione compresa tra i 600 ed i 700 km... questo sarà il valore a cui più ci si deve avvicinare sommando i chilometraggi realizzati in Val Rendena ad inizio settembre ed a Roma.
Gli Organizzatori delle 24 ore mountain bike Val Rendena e Roma insieme al maestro di mountain bike Daniele Avolio, durante l'Evento "dalle Dolomiti al Colosseo" porteranno avanti il progetto di solidarietà "MESSAGGERI DELLA RICERCA". In val Rendena e a Roma saranno presenti durante tutto l'arco delle manifestazioni un punto per informazioni e di raccolta fondi per la ricerca contro il cancro: sarà un impegno importante che le due organizzazioni vogliono portare avanti congiuntamente per sostenere gli studi di ricerca per questo grande e attuale problema mondiale.
Le Organizzazioni doneranno un euro per ogni chilometro che il vincitore della speciale categoria "Dalle Dolomiti al Colosseo" percorrerà in tutte e due le manifestazioni.


I magnifici 18: la val Rendena premia i fedelissimi

Un comitato organizzatore attento come quello della val Rendena non poteva non ricordarsi di chi in questi anni non è mai mancato... Così nella decima edizione è giunta puntuale la decisione di premiare i "fedelissimi" cioè quegli atleti che sono sempre stati presenti a tutte le 9 edizioni della 24 ore val Rendena già disputate. Per loro, oltre ad una apprezzatissima iscrizione gratuita alla decima edizione, è previsto un momento speciale poco prima della cerimonia di premiazione, quando si taglierà la torta per festeggiare, spegnendo le dieci candeline, un compleanno importante ed un traguardo raggiunto, impensabile dieci anni fa.
Verranno premiati sia chi ha partecipato alle 24 ore in solitaria sia chi ha preso parte alle gare in squadra. Per tutti una grande festa, un momento unico che vede cementificarsi un clima di amicizia e di cordialità che fonda le proprie basi sull'amore per lo sport e per le ruote grasse.
Tra gli irriducibili, ben 5 atleti "rendeneri", Pietro Foccoli, Mauro Salvaterra e Martino Maffei di Pinzolo, Igor Maestri di Carisolo e Rudy Frigo di Spiazzo.
Nella speranza di non aver dimenticato nessuno ecco i Fedelissimi ai quali il C.O invia un sincero "grazie di cuore"
1. Agazzi Pierre – Cremona
2. Baccinelli Paolo – Cremona
3. Bonenti Corrado - Bondo
4. Bravo Tiziano – Concesio (BS)
5. Copelli Marco – Trento
6. Foccoli Pietro – Pinzolo (TN)
7. Frigo Rudy – Spiazzo (TN)
8. Guarneri Angelo – Bolgare (BG)
9. Maestri Jgor – Carisolo (TN)
10. Maffei Martino – Pinzolo (TN)
11. Marelli Alberto – Ledro (TN)
12. Mariuzzo Gianfranco - Venezia
13. Perini Paolo – Laives (BZ)
14. Salvaterra Mauro – Pinzolo (TN)
15. Sartori Gianfranco - Trento
16. Sartori Severino - Trento
17. Tonali Gianluca – Mandello Lario (LC)
18. Vavassori Angelo – Bolgare (BG)


Il campionato del volontario

Sempre di fretta, quasi di corsa. Impegnatissimo, con mille cose da fare. Trovava il tempo per dare una mano a tutti, rubandolo spesso alla sua famiglia, alla sua attività e a se stesso. Anzi si può dire che a se stesso non abbia mai pensato. Era la generosità e l'altruismo in persona. Amava la sua terra, il suo paese e la sua gente, cui aveva dedicato il meglio di sé, nelle istituzioni (fu in consiglio comunale), nel volontariato, nelle associazioni culturali e ricreative, nello sport (fu tra i fondatori della 3P), soprattutto quello rivolto ai giovani, per offrire loro momenti di aggregazione e ideali legati ai valori dell'amicizia, della solidarietà e dello spirito di corpo. Princìpi che aveva assorbito in famiglia, da papà Antonio e mamma Maria, e tradotto in pratica nella vita quotidiana. La sua mente era un vulcano di idee e di iniziative, rivolte sempre al sociale, a migliorare la qualità della vita di Strembo e dei suoi compaesani. Fu tra i promotori dell'area sportiva e del parco fluviale in fregio all'abitato, fra i difensori dell'integrità di Val Genova, di cui auspicava la valorizzazione, ma con uno sviluppo sostenibile nel solco delle attività tradizionali ed a beneficio dei locali. Giorgio Ducoli ci manca da 18 anni, ma la comunità di Strembo, che gode ancor oggi i frutti delle sue intuizioni, del suo impegno e delle sue realizzazioni, e la gente di Rendena ne conservano un ricordo pieno di affetto e di riconoscenza. Forse per questo è stato a lui intitolato il Memorial che premia la 24 ore val Rendena, forse per questo in questa grande occasione del Campionato nazionale del Volontario il pensiero corre a lui e a quanti hanno regalato il proprio tempo alle attività delle moltissime associazioni di volontariato che operano nella val Rendena, per rendere vivi i propri paesi, e per prestare servizi che altrimenti non sarebbero possibili: dalle associazioni del trasporto infermi a quelle dei vigili del fuoco, dalle bande ai cori che animano le serate dei borghi passando per le pro loco; dalle associazioni culturali a quelle impegnate nella ricerca; da quelle che dedicano la propria attività per alleviare la sofferenza dei malati a quelle che hanno a cuore la cura dei bambini e delle persone più indifese; e ancora quelle impegnate per garantire la nostra sicurezza, o quelle che cercano di farci divertire o ci permettono di farci fare sport... a queste e a tutte le associazioni l'invito di partecipare e di ritrovarsi in questa grande festa dello sport e del volontariato dove il tutto sarà condito da quel pizzico di agonismo e amichevole rivalità che campeggia nelle gare anche tra associazioni. Ammesse al campionato del volontario tutte le associazioni del no profit italiano. Una gara nella gara che premierà quel team composto da 8 volontari che avrà percorso il maggior numero di giri nell'arco delle 24 ore. Per correre sarà sufficiente il certificato di sana e robusta costituzione rilasciato dal proprio dottore.