Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Sun09152019

Last update12:05:26 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Madonna di Campiglio, apre oggi la pista di slittino sul Monte Spinale

Aperta da oggi la bellissima pista che parte dallo Spinale. Per chi non è molto pratico con sci...

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Ritiri estivi, Napoli a Dimaro. E a Pinzolo? Probabilmente torna l'Inter

Il legame tra il Napoli di Aurelio De Laurentiis e Dimaro non si spezza. La notizia che era già...

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

A Madonna di Campiglio la magia dell'alba in quota sugli sci. TrentinoSkiSunrise fa tappa al Rifugio Boch

Essere i primi a solcare le piste ancora intonse, disegnare serpentine nella neve immacolata...

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

A Massimeno Storie d'acqua, spettacolo inserito nella rassegna Teatro Ragazzi

Si terrà sabato 9 febbraio nella sala comunale di Massimeno alle ore 17.30 Storie d'Acqua...

Notizie val Rendena

A Verdesina la secolare tradizione religiosa della Madonna di Caravaggio

verdesina 1b

Anche quest'anno il 26 maggio, a Verdesina, si è vissuta intensamente la ormai secolare tradizione religiosa della Madonna di Caravaggio con la partecipazione sia della popolazione della piccola "frazione" rendenese, sempre vivace e tipicamente posta sul tipo colle di verde, sia degli immancabili devoti dei paesi vicini e della Busa di Tione. Alla santa Messa del mattino la presenza dell'ormai "piccolo gregge", data la giornata feriale che vede gran parte degli abitanti lontani da casa per ragioni di lavoro; tuttavia il parroco don Marcello Mengarda, non ha mancato di riallacciarsi al passato che si ricollega alla vita dei tanti emigranti in terra lombarda, ai quali si fa riferimento per spiegarsi come mai la specifica devozione mariana caratteristica di Caravaggio sia giunta fino in Val Rendena.
Invece assai partecipate le celebrazioni della sera con la recita del santo Rosario e la processione fra le vie del paese con la statua lignea della Madonna, scolpita in Val Gardena, ed offerta nel lontano 1981da Gioacchino Alberti Stropa, emigrato come "torcolòt" a Verona. È seguita la cena in piazza in un clima di serenità comunitaria, con ospiti giunti da ogni dove. Va pure segnalata una Mostra, allestita nella sede dell'Asuc locale, con una nuova serie di vecchie fotografie per tener vivo il costante rapporto con un passato che non si vuole e non si deve lasciar scomparire nella dimenticanza: un passato legato alla vita contadina, all'attività dei "vachèr" con la vita nelle stalle in paese, nelle "cà' da mónt" sui pendii della montagna e nelle malghe sugli alti pascoli di Malga Rosa ed in Val San Valentino.

verdesina 2015.5.26 sagra 11

verdesina 2b

verdesina4bis

verdesina 5 b

verdesina 6b

verdesina 7 b

Nella mostra, in particolare, fa spicco anche il ricordo di ben 64 "profughi di Roncone" che durante la prima guerra mondiale hanno dovuto lasciare il loro paese ed hanno dovuto godere della ospitalità delle popolazioni di Verdesina e di altri paesi della Rendena: una testimonianza insolita venuta alla luce "scavando" negli archivi comunali di Villa Rendena: una pagina da non dimenticare, quella vissuta dai profughi della Val del Chiese che, fortunati nella disgrazia del loro esodo, non hanno dovuto essere trasferiti in Boemia (come quelli della Val di Ledro), ma hanno trovato ospitalità nei vari paesi sia delle Giudicarie Interiori che Esteriori.
Il tutto grazie al costante impegno di attivi volontari sempre impegnati a mantenere vivo e vivace uno dei villaggi più tipici di tutta la Rendena, posto fuori dalla statale di fondovalle, ma forse, appunto per questo, particolarmente caratteristico.
m.a.m.