Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mer06282017

Last update08:26:03 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

"La musica sei tu" di Kimbo Ina Vellocet

LA MUSICA SEI TU k 

... Vedi come la musica ha "miliardi di facce"...
La musica è il luogo della scoperta, uno spazio da concepire non come una storia,
o una danza, o altro, ma IL LUOGO DOVE RECARSI: se vuoi andare in quel luogo
devi semplicemente ascoltare.
Respira, stai fermo, muoviti, socchiudi gli occhi, ricrea la tua vita dentro il ritmo della musica
e Lei diventerà la tua medicina. Come fosse una luce che ti attraversa e che guarisce malesseri,
disarmonie e tristezze.
Quando ascolti la musica non ti viene trasmessa solo la musica, ma un'intera esistenza.
Niente è solo musica. Dentro le sue onde vivono immagini, persone, mondi ...
Universi vicini e universi abissalmente lontani.
Una vibrazione invisibile che riesce a superare il tempo e il luogo.
Per me la musica è proprio l'arte per eccellenza.

                               (Kimbo Ina Vellocet)

ATHLETE, TOURIST – 2005. Cover Art - Gli Involucri d'Arte della Musica

ATHLETE TOURIST
L'immagine ripropone il gusto dissacrante delle installazioni Anni '60, investe sulle emozioni e dentro le metodologie della performance, dichiara il gusto dell'happening improvvisato dove si rivedono le scene del teatro dell'assurdo e le narrazioni di superficie che Andy Warhol avrebbe portato allo splendore della Pop Art. Uno scatto fotografico a trasferire, non nascostamente, il brivido a fior di pelle di un "car crash", il torbido mondo della distruzione a disturbare il nostro modello quieto. Accumulo disordinato di materiali contemporanei assurti a valore espressivo e divenuti opera d'arte attraverso la loro sembianza messa in mostra con vistoso e plateale esistere. Un "silver monument" della civiltà del progresso ad incedere per scarti, "trash" accatastati a fare largo a nuove invenzioni ed a nuovi prodotti. E' degli Anni '80 il gusto sviluppato dell'epoca della meccanica e del computer, il tempo dove si verifica coscienza delle forme a procedere verso la robotica, dove numerosi artisti dedicano attenzione alle rappresentazioni inusitate e forti di trasformazione della tradizione dell'arte. Così avviene anche per la fotografia, finalmente percepita come forma e contenuto significante. La composizione così manifesta riporta al neo Futurismo di quegli anni
nei quali anche un artista trentino come Umberto Postal (1949-2011) ripose forti passioni, producendo opere di una bellezza da III Millennio, indicando strategie e sviluppi... L'album in questione è "Tourist" (2005) degli "Athlete" e la cover è realizzata in equipe da Richard Andrews, Gerard Saint, Lyndsay Milne, Don Tobin Smith.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna