Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Ven09212018

Last update04:48:25 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

"La musica sei tu" di Kimbo Ina Vellocet

LA MUSICA SEI TU k 

... Vedi come la musica ha "miliardi di facce"...
La musica è il luogo della scoperta, uno spazio da concepire non come una storia,
o una danza, o altro, ma IL LUOGO DOVE RECARSI: se vuoi andare in quel luogo
devi semplicemente ascoltare.
Respira, stai fermo, muoviti, socchiudi gli occhi, ricrea la tua vita dentro il ritmo della musica
e Lei diventerà la tua medicina. Come fosse una luce che ti attraversa e che guarisce malesseri,
disarmonie e tristezze.
Quando ascolti la musica non ti viene trasmessa solo la musica, ma un'intera esistenza.
Niente è solo musica. Dentro le sue onde vivono immagini, persone, mondi ...
Universi vicini e universi abissalmente lontani.
Una vibrazione invisibile che riesce a superare il tempo e il luogo.
Per me la musica è proprio l'arte per eccellenza.

                               (Kimbo Ina Vellocet)

Music seventies: alcune osservazioni veloci. Da La Musica sei tu di Kimbo Ina Vellocet

THE MAN MACHINE

Giganti premonitori del futuro fuoriusciti dalle pieghe di Düsseldorf durante i giorni del 1970, i Kraftwerk, influenzeranno la musica del XX secolo attraverso sound robotici ...
... E così la musica tedesca in Europa prende il sopravvento. Proprio dalle membra più lontane della psichedelia, dal rumore cosmico, dall'universalità dei suoni che appartengono alla pulsazione di fondo, nel caos più eccitante di una musica ormai dilatata ed espansa a raggiungere mondi sconosciuti, prende corpo un sistema che in un primo tempo si esprime nella stesura di "paesaggi sonori" amplificati; in un secondo momento, pionieristicamente, avanza l'ipotesi di uno sviluppo musicale teso a descrivere il futuro ormai prossimo, attraverso le dinamiche dell'elaboratore elettronico. Un mondo articolato di elementi della tecnologia, di memorie meccaniche, di onde e frequenze sonore create per togliere alla musica tutta la quantità acustica e per aprire al mondo dell'elettronica. Saranno suoni mai uditi quelli prodotti dai 'vocoder' e la meraviglia di una voce, come quella della nona sinfonia di Beethoven nel film "Arancia Meccanica", è di una voce non modificata dagli strumenti elettronici ma, completamente "prodotta" da essi: una situazione nuova per determinare un super balzo verso il futuro. Tuttavia i Kraftwerk nella loro indole mitteleuropea si soffermeranno ancora dentro soluzioni musicali dai tratti epocali passatisti, affrontando non solo il futuro, ma anche la storia che lo ha anticipato. La loro "Centrale di Energia" è proprio un laboratorio dove nascono "clandestine anticipazioni musicali" e "rimembranze di post-modernariato". "RadioActivity" inizia la trasformazione del gergo usualmente inteso come classico per i temi musicali ed i significati appariranno scoperti già nei titoli dei brani: "Geiger Counter"; "Antenna"; "Transistor"; la bellissima e commovente "Radioland"... "Trans Europe Express" già in copertina riconduce ad un passato da "futuristi per bene" ma anche viene ispirata dall'"orchestra music-hall". Poi con "The Man Machine" la musica si perfeziona, assume sembianze "neo costruttiviste" dell'avanguardia russa di inizio secolo ... E se lo sguardo in TEE era per ognuno dei quattro musicisti rivolto verso punti di fuga diversificati, oggi con TMM si osserva tutti in linea verso un unico orizzonte ...

TRANS EUROPE EXPRESS